Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« Olimpiadi 2020: scampato pericolo? | Main | L'importanza di chiamarsi Margaret: una biografia essenziale di Lady Thatcher »

16/02/2012

Comments

Alba Parietti

Ti segnalo la critica di Lenny Nero, di segno quasi completamente opposto, che ne pensi?
http://lennynero.wordpress.com/2012/01/15/shame/

stefano

Che cosa vuoi che pensi? Che gli è piaciuto. Del resto le recensioni sono in maggioranza positive, ma non è che io mi faccio piacere un film a seconda delle recensioni positive. (Concordo solo quando scrive: "Eppure il tono drammatico del film, forse a seconda dei propri parametri morali o delle proprie esperienze sessuali, appare esagerato rispetto a un dolore che resta ineffabile e incompreso, che sembra affondare le radici in qualcosa di passato più che in una sessualità sicuramente anaffettiva, quanto pienamente espressa e mai perversa". Quindi è vero: il film puzzicchia un po' di moralismo, facendo molto leva sulla "vergogna" e sul "senso di colpa" instillato dal sesso brado). C'è di buono che almeno il film, nel complesso, non è ridicolo come, mettiamo, il Lars von Trier di "Antichrist".
Per me resta un film con un'unica idea, abbastanza poco originale, troppo annacquato. Certo, con eleganza e gusto estetico. Forse troppo, tanto da rischiare di finire in quella categoria che a me irrita un po', quella delle opere "artsy-fartsy".

GMR

"artsy-fartsy"? Me la segno.

Ste'

Non ho visto il film perché ho immaginato che non mi sarebbe piaciuto; la tua recensione mi conferma le mie impressioni.
Chapeau per la definizione di "artsy-fartsy", me la rivenderò!

stefania

concordo in pieno con la tua recensione! una noia infinita.

shylock

molto d'accordo con te, ho trovato Shame un film irritante, noioso, banale, scontato, inutilmente furbo.

The comments to this entry are closed.