Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« "Shame", lo sbadiglio del sesso compulsivo | Main | Olocausto nucleare per Poste Italiane »

19/02/2012

Comments

aelred

Parla anche delle politiche omofobiche di Lady Thatcher?
sotto il suo governo fu introdotta la famigerata Section 28 che impediva alle scuole e alle istituzioni pubbliche di offrire un'immagine positiva dell'omosessualità e vietava una rappresentazione accettabile delle unioni omosessuali come relazioni familiari.
http://en.wikipedia.org/wiki/Section_28

aelred

a essere sinceri, pur deplorando quasi tutto delle scelte politiche della Lady di ferro, le devo riconoscere un grande merito: aver contribuito, con la guerra delle Falkland, alla caduta della Junta argentina di Videla. Uno straordinario esempio di eterogenesi dei fini e di scherzo del destino: decidere di abbattere i più forti sostenitori del suo amico Pinochet non dev'essere stato facile per lei. Chapeau!

stefano

No, non ne parla. Enuclea solo quei quattro aspetti che ho indicato. Suppongo che non parli anche di tanti altri aspetti della politica di MT.
Ovviamente, secondo te, non parlandone diventa ipso facto un libro spazzatura :) ?

stefano

Sulla guerra delle Falklands non so onestamente che cosa pensare. Da un lato è stata assurdamente costosa, in un periodo in cui veniva tagliata la spesa pubblica. La stessa Berlinski osserva che sarebbe costato meno trasferire tutti gli abitanti delle Falklands in Galles, per dire, e mantenerli vita natural durante a base di sussidi. Per non parlare dei costi in termini di vite umane. Dall'altro ha avuto un peso simbolico notevole: affermare che nessuno, da allora, avrebbe potuto aggredire la Gran Bretagna senza aspettarsi che nessuno reagisse.
Per quanto riguarda invece lo sciopero dei minatori e la sua resa dei conti con Scargill, credo che MT abbia avuto assolutamente ragione. (E anche Neil Kinnock, in un'intervista nel libro, ammette che il suo errore più grande è stato di non costringere Scargill ad accettare di mettere al voto lo sciopero, che così sarebbe stato legittimato democraticamente dagli stessi lavoratori e non imposto dallo stesso Scargill, che lo stava usando a fini squisitamente politici).

aelred

no, no
non penso che sia spazzatura. solo, segnalo la cosa perché molti laudatores di mrs Maggie non sanno o si dimenticano di questo suo coté omofobico...

detto questo, a mio avviso la Thatcher ha depauperato un paese per arricchire una minoranza di suoi sostenitori e di squali della finanza, forse anche al di là della sua volontà
non si può negare che dopo il suo passaggio i trasporti e la sanità siano crollati a livelli di inefficienza e iniquità scandalosi per un paese europeo; che l'industria e l'agricoltura siano state devastate e che le differenza sociali si siano moltiplicate.
detto ciò, a parecchi piace un quadro del genere. a me no

nomedelblog

"che l'industria e l'agricoltura siano state devastate e che le differenza sociali si siano moltiplicate."


se questo non si può negare... si può almeno supporre che le politiche che avrebbe messo in atto l'altra parte, analoghe a quelle applicate in altri paesi più a sud e non certamente di grande successo, non avrebbero fatto miracoli con l'industria e l'agricoltura e le differenze sociali? (no, non si può supporre: perchè la colpa dei socialismi non è mai in se, ma sempre di non esserlo abbastanza... o di esserlo troppo)

The comments to this entry are closed.