Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« "Lettres 1961-1978": un inedito volto di Cioran | Main | Quando i gay erano solo froci: un saggio di Andrea Pini »

18/04/2011

Comments

pio

detto da un lettore compulsivo: parole sante!

Giglio

Scusa, ma nella terza categoria non vedo citato l'imperdibile Tiziano Ferro...
Solidarietà di Kasta! Vergogna! :-P

Stefano

Ci ho pensato, ma mi sono detto che forse quello rientrava nel genere "autobiografia" :)

Alba Parietti

Io un tuo libro lo comprerei a scatola chiusa. E mi farei fare pure la dedica! :)

Stefano

Troppo buono. E soprattutto paraculo sapendo che un mio libro non ci sarà mai!!! :)

Erasmo

Ci sarebbero anche i romanzi italiani degli ultimi 40 anni.

Paolo

Sui primi due generi:

1) C'è stato un periodo della mia vita in cui l'ho fatto, ma ero giovane, facevo politica e pensavo che avesse un senso. Un paio di settimane fa, quando ho fatto pulizia, tutte queste pregevoli opere sono andate al macero (la biblioteca comunale le ha rifiutate). Però, devo dire che quindici anni fa - quei libri risalgono a quel periodo - poteva avere un senso leggere quello che pensassero D'Alema, Veltroni o Segni, erano dei leader nuovi. Farlo oggi significa avere dei problemi di contatto con la realtà :)

2) Non è d'attualità, ma "Londra Babilonia" di Franceschini presenta tutti i segni.

sissi

Immagino che alla terza categoria tu abbia sottinteso anche i libri di calciatori, attori e attricette, comici o ex comici dell'ultima generazione, ect

Stefano

@ paolo: Franceschini avrebbe scritto PIU' di UN libro? Sono sconcertato.

Mah, in realtà ci sarebbe anche un'altra categoria: i libri dei personaggi dello spettacolo che, d'un tratto, hanno avuto una crisi mistica e hanno scoperto Dio e ce lo fanno sapere: Brosio e - ho visto ieri, con sbalordimento - persino Walter Nudo.

aitan

Letto e sottoscritto, soprattutto per quello che scrivi sull'ultima categoria.
Poi, però, se un giorno mi trovassi a pubblicare qualche paginetta io, non dirlo in giro che avevo letto e sottoscritto.
Anche perché io sono senza dubbio il più grande scrittore del mio pianerottolo, dopo mio cugino.

Claudio

E dove li mettiamo (cioè, lo sappiamo: nel macero) i libri di ricette che chiunque scrive appena raggiunta la "celebrità"?

nomedelblog

guccini sta tra i cantanti o tra gli scrittori? che mi era venuto una curiosità una volta...

The comments to this entry are closed.