Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« "Bigger Than Life": per una storia della pornografia gay (americana) | Main | Pensierini per la notte santa »

22/12/2009

Comments

Paolo, por supuesto

penso di amarti.
meno male che non sei il mio tipo.

vito

penso di amarvi...
spero che non siate il mio tipo...:D

Matthaei

Io mi potrei riconoscere completamente in queste parole.
Che vuoi farci, tocca soffrire.
Niente dura per sempre.

Hans

So di amarla.
E temo che lei sia il mio tipo. ;-)

stefano

Basta! Non è mica la posta del cuore :)

Onan

Niente dura per sempre, appunto. O finirà il consenso al presidente o finirà lui. In entrambi casi, la dipartita non sarà risolutiva: i problemi del paese rimarranno tutti sul tavolo ancora per anni ed anni. Il problema è che certi giornali, certi settimanali, certe trasmissioni, certi comici, certi pensosi intellettuali (da Belpoliti in giù/su) e certi comici non aiutano l'unico esercizio sanitario necessario, non aiutano a pensare meno a Berlusconi ed a pensare più a tutto il resto. Che l'esercizio sia sanitario e necessario iniziano a capirlo quelli che hanno smesso, giustamente, di comprare certi giornali.
E quelli che, come me, hanno deciso di proporre, come vincitore del 2009 del concorso "l'Ermenauta", Marco Belpoliti con i suoi titanici e lucrosi sforzi di sovra-interpretazione.
La motivazione: "per il suo pervicace tentativo di gonfiare, ingigantire e sacralizzare attraverso le categorie della teologia politica, della filosofia della storia e della linguistica ogni scoreggina emessa dal Presidente del Consiglio".

Anellidifumo

Stefano, a occhio e croce, direi che siamo rimasti tu e io a pensarla *esattamente* così come l'hai scritta. E non hai idea di quanto gonfi il mio ego questa consapevolezza.

The comments to this entry are closed.