Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« "Ghost story", dal romanzo al film | Main | Quando finirà questo lungo inverno? »

21/12/2009

Comments

Paolo, por supuesto

grazie per aver aperto il fronte del porno.
avevo letto in un numero dei pregevoli primi anni di Têtu (che di porno si occupa con intenzioni che vanno al di là della recensione titillante) una cosa che ha cambiato la mia percezione del porno, e della vita.
per gli uomini che amano gli uomini (e in assenza di un qualsiasi "polo" educativo e di un riferimento) il porno è stato -e forse è ancora- un'agnizione, una conferma di sé e della propria esistenza, un manuale. vedo il film e non sono più un insulto, ma un desiderio vero, e imparo come si fa.
per questo hai ragione quando dici che che senza Cadinot (come anche senza i torrents e la pornografia available a tutti) non si fa storia.
è come parlare di Linda Lovelace e ignorare Cicciolina.

The comments to this entry are closed.