Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« Paradigmi dell'horror: "The Evil Dead" | Main | E chi si ricorda! »

03/10/2008

Comments

dj

È l'effetto Obama

ulrich

La paura che aleggia sul nostro paese ,e che è frutto di un informazione sapientemente manipolata,ha legittimato e reso quasi condivisibile ad un numero sempre maggiore di persone ,un certo modo sbrigativo e razzista di risovere le cose.Ciò posto,io stesso,a volte guardo con preoccupazione una certa immigrazione musulmana.In un Italia sempre meno laica ,ho paura di un futuro in cui possono sovrapporsi integralismi religiosi di matrice diversa.Di questo,si,ho paura.Mi bastano e avanzano i Cattolici di casa nostra.

fuchsia

@ulrich: più che di "Italia sempre meno laica" io parlerei di un'Italia sempre più materialista e fascista. Ultimamente non mi sembra che chiesa e governo vadano tanto a braccetto. Sarà che vivo nel profondo Nord, ma io, più che degli integralisti cattolici ho il terrore degli integralisti padani.

ulrich

@ fuchsia:"Ultimamente non mi sembra che chiesa e governo vadano tanto a braccetto" ....vedrai si metteranno d'accordo! E poi chi sono gli integralisti padani? La semplice promessa di qualche spicciolo in più basterà ad acquietarli..tranquillo!

Angelo

Tutti sono razzisti molto piu` di noi, prova a vivere in Africa o in medio oriente.

stefano

Mh, interessante. Allora per questo motivo dobbiamo bastonarli qui? Dei rappresentanti scelti a caso in quanto appartenenti a un certo GRUPPO? Be', se non è razzismo questo. Complimenti.

enzodisirio

non credo che in Italia vi sia più razzismo che nel resto d'Europa.
vi è invece intolleranza verso l'"altro".
che sia di etnia, convincimenti etici o religiosi, colori politici diversi.
intolleranza e non dialogo e tentativo di comprensione delle ragioni dell' "altro".
solo una nota: se in città che dell'accoglienza e della tolleranza ne avevano fatto una tradizione come Bologna la Lega avanza qualche ragione ci sarà?
quanto alla campagna di regime ci andrei piano. di solito i media registrano tendenza esistenti e montanti.
è comunque un piacere legerti.
enzo

stefano

Intendiamoci: non penso che gli italiani siano più razzisti o intolleranti di altri europei. Il punto è che all'estero questi "movimenti di pancia" non vengono sfruttati e aizzati da chi ha responsabilità pubbliche e dai rappresentanti politici, se non in frange ridotte. Questa è una differenza essenziale, a me sembra.

anonimo

...é vero nu' cè razzismo in Italia...caso mai, se la vulemo dì proprio tutta...me sà proprio che se stà 'a delineà un razzismo "ar contrario"!!!!!

stefano

Ecco che arrivano i primi giullari.

mario

I giullari sono già in campo, Lerner primo buffone ne è un valido rappresentante.

alessandro

Vivo in una società (quella brasiliana) dove il razzismo è presente ma camuffato dietro la facciata della "democrazia razziale": tutti avrebbero (e spesso hanno) sangue negro nelle vene, ma poi di fatto la linea che divide l'élite bianca dalla maggioranza nera e povera è nettissima. Però nessuno si sognerebbe di dar voce apertamente ai propri pregiudizi, anche perché rischierebbe grosso, visto che la costituzione brasiliana proibisce la discriminazione razziale e il codice penale la punisce severamente con il carcere. Si potrà accusare il Brasile di essere una società ipocrita, ma mi chiedo quale merito ci sia a essere razzisti e a vantarsene, come succede in Italia continuamente (e non sono solo i leghisti a usare un linguaggio apertamente razzista). L'apparente sincerità italiana è figlia dell'idea per cui qualunque opinione è legittima e può essere espressa apertamente, anche quando si tratta di un'opinione odiosa e discriminante (verso gli stranieri, i gay, le donne ecc.). Questo non è espressione di libertà, ma la fine del consesso civile. Una società si fonda tra le altre cose sui tabú, su ciò che è lecito fare e dire apertamente senza offendere gli altri o violarne la libertà. La società italiana sta erodendo le sue stesse basi.

The comments to this entry are closed.