Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« Una biografia tedesca di Cioran | Main | Amnesie »

26/04/2008

Comments

rq

no caro stefano.... non consumare o meglio consumare sapendo cosa e perchè si è scelto credo che sia l'unica vera forma di possibilità di esprimersi della "massa" o "popolo" che dir si voglia.... non esistono scioperi o referendum che abbiano la stessa incisività del consumo e proprio per questo tutto viene abilmente celato o deviato.... ho 15 anni di esperienza nel settore e ti confesso che non compro in una catena da 10.
buoni giorni

sacherfire

Attento, che questo modo di fare potrebbe poi far pensare a qualcuno di introdurre il pagamento dello stipendio tramite beni di consumo e non più coi soldi. Una beffa.
Se il PIL italiano dipendesse dall'incremento dei miei consumi saremmo in recessione continua dal 2000, dall'anno in cui ho avuto il primo contratto di lavoro regolare. Ormai consumo sempre meno. A fare la spesa mi fermo sempre al banco della carne: tranne eccezioni, non la compro più a causa dei prezzi. E sto parlando della coop, mica della boutique della bistecca.

The comments to this entry are closed.