Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« Le parole sono pietre: l'omofobia dei moderati | Main | "Quello che passa il convento" »

09/02/2007

Comments

Fabristol

OT: Volevo commentare a due tuoi post in cui non hai consentito i commenti.
Per prima cosa la lettera della ragazza. E' bellissima e se davvero come dici tu è giovane tanto di cappello.
E' riuscita in poche parole di descrizione di vita quotidiana a far capire la sofferenza e le difficoltà che incontra un omosessuale nella società ma soprattutto nella famiglia. ciò che neppure cento commentatori omosessuali o cento gay pride avrebbero potuto fare.
Poi per quanto rigurda il post su Scalfarotto, poverino. Anch'io l'avevo votato ma fintanto che rimane dentro un blog di strada non ne potrà fare.
saluti

stefano/cadavrexquis

Sgrunt :)
Vabbe'... E' per questo che vorrei che Scalfarotto "uscisse" dal blog. Ma anche in politica - soprattutto lì -, ci sono enormi rendite di posizione!

Adrian

sono contento che ti sia piaciuto

sara


Sono una "cioraniana appassionata", per cui ho molto apprezzato il post. Il testo di cui parli sembra interessante.Perché non lo traduci?

stefano

Be', dovrebbe tradurlo qualcuno che sia più esperto di me di romeno. Comunque le altre opere di Visniec risultano tradotte anche in italiano - secondo l'elenco riportato in fondo al libro - da un certo Ivano Bruno, ma non sono mai state pubblicate (e probabilmente nemmeno rappresentate).

Ivano Bruno

Ciao, sono il "certo Ivano Bruno" amico e traduttore di parte delle opere di Matei Visnieç. Alcune dei testi di Matei sono stati rappresentati in Italia:
"La storia degli orsi panda..." è stato rappresentato a Roma, "Piccoli lavori per vecchi clown" è stato rappresentato al Piccolo di Milano, "Del sesso delle donne come un campo di battaglia nella guerra di Bosnia" è stato rappresentato a Moncalieri (To) durante il festival internazionale Theatropolis, "Voci nella luce abbagliante" è stato rappresentato a Moncalieri (To) dalla compagnia del Teatro Ionesco di Chisinau (Rep. Moldova) in italiano.
Altri testi tradotti invece non hanno avuto questa fortuna.
Saluti
Ivano Bruno

stefano

caro "certo Ivano Bruno" :),
grazie per le informazioni fornite! E' sempre una sorpresa, per me, quando i diretti interessanti reagiscono a quello che scrivo.
(Il "certo" dipende dal fatto che, non essendo un esperto di letteratura romena, non conosco i nomi di chi se ne occupa, la traduce e la diffonde).
Grazie ancora.

Pascale

Abbiamo notizie su Visniec! anche noi lavoriamo sui testi di Matéi Visniec. A breve saranno pubblicati!
il 10 di Novembre Matéi sarà ospite presso il DAMS di bologna, occasione nel quale si rappresenterà il nostro spettacolo.

per maggiori informazioni :

attori.illegittimi@yahoo.it

The comments to this entry are closed.