Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« Sabato 14 gennaio, due manifestazioni | Main | Da "Animal triste" »

17/01/2006

Comments

Yoshi

bellissimo post che riesce proprio a far venire voglia di leggere il libro! almeno a me :)
veramente bello, ok, basta con i complimenti :)

stefano

Grazie! Te lo consiglio davvero :)

law

Anche nel mio caso, la storia d'amore con Cioran perdura intatta da quasi vent'anni: io sono nato un anno prima di te.
Ho abbandonato altri cattivi maestri, ma lui è ancora tutte le notti lì sul mio comodino.
Non saprei spiegarmi il segreto di una così lunga fascinazione. Non l'ho nemmeno mai ritenuto un vero e proprio pensatore, accostabile non so ad un Kant, ad un filosofo come Hegel. Tenderei piuttosto ad inserirlo tra gli scrittori.
È certamente un feroce nichilista. I suoi aforismi, come diceva Carlo Michelstaedter, fanno i conti con la vita, liquidandone magna pars. La sirena cioraniana non è, au fond, molto diversa da quella di Egesia, noto persuaditor di morte.
La mia continua rilettura delle sue opere nasce forse anche dal mio essere (stato) un vivente non persuaso, un suicida fallito.

The comments to this entry are closed.