Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« "Anatomia della battaglia", Giacomo Sartori | Main | Due pesi, due misure »

30/10/2005

Comments

dementrio

in verità ti dico, "negli ultimi anni" si è fatto molto di più che cambiare il nome della società, molto di più. è stata scorporata la società madre in duemila piccole società, moltiplicando il numero di quadri e dirigenti iperpagati; è stato riformato il reparto risorse umane, mandando a casa buona parte di coloro che dirigenti non sono - i ferrovieri, che tu maledici - e raddoppiando su di loro il carico di lavoro nel giro di pochi anni; si è dato in appalto ad esterni qualsiasi cosa, avvantaggiando coloro che sfruttano la forza lavoro degli immigrati e offrono servizi di bassissima qualità.

sì è fatto tanto, e si continua a fare, spendendo enormi somme di denaro per la linea ad alta velocità che coprirà i venti minuti che separano padova da venezia; per i treni senza cessi firmati pininfarina; per gli annunci sintetizzati in inglese nelle stazioni di provincia.

e di tutto questo, deciso da dirigenti ex-sindacalisti, la gente sente le conseguenze; ma l'unica cosa che riesce a pensare è "maledetti i ferrovieri tutti".

ha

certo è che Houellebecq non frena la misantropia

Matthaei

Vabbè, mica è colpa dei ferrovieri se i loro capi fanno balordaggini.

Io che sono impegato di banca lo so bene, da noi è la stessa cosa.

marta

maturato?!?!

stefano

Maturato, maturato!

The comments to this entry are closed.