Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« Democrazia. Islamic style, of course | Main | "Cruising" e il contagio »

28/06/2012

Comments

Paolo Ferrario

è, però, anche vero che la germania è stata MOLTO aiutata dagli altri paesi europei nelle politiche economiche per l'unificazione delle due germanie.
è vero che ha fatto, poi, le grandi riforme. ma le ha fatte con GOVERNI DI GRANDE COALIZIONE. quella che occorrerebbe ancje all'italia dopo il governo di emergenza nazionale NAPOLITANO/Monti

Paolo

E' vero ed è giusto, non si può continuare a finanziare i ricchissimi stipendi dei metalmeccanici tedeschi con il debito pubblico italiano, o greco, o spagnolo.
Perché nell'Eurozona, la Germania è un esportatore netto, che vende a paesi con un forte deficit commerciale (come la Grecia, la Spagna, l'Italia fortunatamente no), e questo permette quei robusti stipendi.
Spero anche io che la Grecia esca dall'euro, prima possibile anzi: così i greci non potranno più comprare auto tedesche, magari compreranno quelle italiane o quelle balcaniche, e i metalmeccanici tedeschi... beh, troveranno un altro lavoro.

Lo spero ardentemente, così la Merkel SI FOTTE RICCAMENTE AL CAZZO, e vedrà cosa se ne farà della sua Germania senza un mercato europeo.

Procediamo subito. Poi, però, quando la Cina farà il botto, e ormai gli scricchiolii si sentono ben chiaramente, spero che la Germania non verrà a piangere chiedendo aiuti, che qui, purtroppo, non potremo darglieli perché sai, le finanze pubbliche non lo consentono.

stefano

Che bello, Alessandro Sallusti è venuto a commentare!

Paolo

E' quello che scrive l'Economist, pensa un po'.

Però tu non potevi permetterti una replica di dettaglio, dovevi fare un paragone con un intento chiaramente offensivo.

Vabbè, ti lascio fare, aspetteremo gli avvenimenti, tanto tu sei rimasto a questa idea che il debito pubblico si paga, e che ti ci posso fare? Stai fermo lì con questa idea anti-storica, e pensi pure che sia una cosa giusta.

The comments to this entry are closed.