Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« Le icone del sindaco | Main | Daniel Harris: la morte della cultura gay? »

30/10/2011

Comments

Antonello

Pienamente d'accordo. Trovo comunque incredibile che un grande drammaturgo come Heiner Müller sia così poco conosciuto in Italia.
Non mi riferisco solo all'uomo della strada: ho personalmente conosciuto filodrammatici - o addirittura persone che lavorano nel teatro - che che quando cito l' "Hamletmachine" assumono la tipica espressione sospesa di chi si aspetta delucidazioni in merito.
Nei paesi che hanno invece avuto una più diretta influenza tedesca negli ultimi 50 anni (i paesi dell'Est, soprattutto) Müller è ampiamente conosciuto e ed è sovente in cartellone.

Luca T

Aspettavo da tempo una tua recensione teatrale.

grazie, bella

stefano

Eh, ultimamente ci vado poco...

The comments to this entry are closed.