Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« "Fanny e Alexander", una fiaba invernale in tre movimenti | Main | Del perché i debiti, se si fanno, poi vanno anche pagati »

24/10/2011

Comments

Paolo

Io iniziai a vederlo alcuni anni fa, e sono crollato per la noia, un film appassionante come un brano di Stockhausen.

fuchsia

Non ho mai visto il film ma ne ho sentito parlare poiché pare che vi venga menzionata Romy Haag, artista transessuale tedesca che fu l'amante di Bowie durante il suo periodo berlinese. In effetti in seguito trovai conferma del particolare in questo bell'articolo di Jon Savage http://www.guardian.co.uk/film/2011/apr/21/taxi-zum-klo-berlin

Stefano

@ paolo: sei poco resistente :) Ho visto cose molto, ma molto peggiori
@fuchsia: esatto. Quando sono al Tuntenball, uno dice: "Pare che ci sia anche Romy Haag". Che poi in realtà non c'è. Di Romy Haag lessi persino la sua autobiografia. Aveva un cabaret en travesti dove ora c'è la discoteca Connection, a Schoeneberg.

Vito

Io lo trovai affascinante, e' cosi' poco addomesticato, cosi' riluttante a qualsiasi omologazione.
Certo, difficile da digerire per i gay vecchi e nuovi che ripropongono la coppia versione gay come fosse auspicabile (?).
Come se fosse la soluzione per fronteggiare i fantasmi del desiderio.
P.s. ma dove sono i Ripploh di oggi, i Fassbinder?
Mamma mia, che brutti tempi... le macchiette insensate di Ozpetek e l'intellettuale alla Vladimir Luxuria...aiuto!
Ciao vito

Anastasia Beaverhausen

Che paura una vita tutta così, di taxi che portano ai cessi (o altro per loro). A volte vorrei che il sesso tra due maschi non fosse così semplice, come scrivi, e così troppo facile. Sì, in fondo a quella cosa che inizia per A. ci credo ancora e mi pare una buona notizia.

mauro

lo vidi quando abitavo a kreuzberg ancora ai tempi del muro (da qui si può dedurre la mia non giovanissima età). mi lasciò affascinato e, ragazzetto provinciale quale ero, ne apprezzai ciò che mi appariva come reale anticonformismo. aggiungo che i cosiddetti "klo" di berlino erano all'epoca incredibilmente attraenti, anche per chi non è mai stato un fissato per il sesso. non ho mai più rivisto il film, ma credo che oggi mi apparirebbe molto datato, provocandomi forse solo una profonda nostalgia tutta personale. così come mi succederebbe anche con tutta la filmografia di rosa von praunhaim, altro regista gay e alternativo berlinese che mi affascinava non poco.

d,

Tu dai per scontato che due uomini in coppia che desiderano sposarsi, perché "si amano", facciano anche sesso fra loro. Magari non è così, esattamente clonando la moltitudine di coppie etero sposate, ormai anche le coppie gay stanno insieme e desiderano "formalizzare" la loro unione di cozze che altrimenti si sfascerebbe. Ne conosco alcune di coppie gay italiane arrivate a qs livello di squallida convenzionalità!

Leo

@Anastasia Beaverhausen: non è affatto semplice, facile, il sesso tra due maschi, se non puoi o non vuoi frequentare i cessi (o altro per loro); e c'è in giro una forte, radicata avversione, nei confronti del sesso tra due maschi, appena sotto la pàtina, la vernice, dell'accettazione, della tolleranza, etc., credimi...

The comments to this entry are closed.