Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« La torbida ora di religione di Marco Bellocchio | Main | Strategie d'amore »

31/03/2010

Comments

pio

dai, ci sei quasi......
;-)

formamentis

E' un discorso politico?

stefano

Dipende da quali sono i tuoi desideri ;-)

vito

...verrebbe da dire "il personale è politico", verrebbe da dire ...verrebbe da non dire più, per estenuazione.
Guardo con sconcerto a quello che succede intorno, come si fa a darsi pace? come si può non essere -veramente- preoccupati?
Per quanto mi riguarda mi sembra inevitabile esserlo.
Se penso che il partito (!) che avrebbe vinto le ultime elezioni, ha fatto campagna elettorale distribuendo, come gadget, sapone anti-contatto immigrati... se penso ai giuramenti, ai "lo volete voi?" ... (voi chi?)
ma chi è che ci sta intorno? Quanto è realistico venire a patti con le nostre piccole privatissime paci, come se tutto intorno fosse solo rumore, innocuo rumore...
vito

nomedelblog

anche io avrei chiesto se pensavi anche alle conseguenze "politiche" di quel che hai scritto. ma poi, che umanamente si possa o no condordare con ciò che scrivi (io concordo), rimane il fatto che, politicamente... siamo in sessanta milioni, se pure uno desiderasse di adattare gli altri a se, come può pensare che sia possibile?

stefano

Basterebbe "eleggere" un altro popolo, come suggeriva sarcasticamente Brecht.

Sebastian

Perchè ho come l'impressione che Stefano non stesse pensando alla politica??... Piuttosto, questo post mi sembra un "sequel" di quello intitolato *La lusinga delle lusinghe*...
;-)
Sarò io che trovo sottotesti laddove non ve ne siano...?

stefano

Una cosa non esclude l'altra :)

The comments to this entry are closed.