Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« Dyane, je t'aim(ais) | Main | L'Udc prima mantiene, poi promette »

19/03/2008

Comments

tato

rifiutando l'incarico e in assenza, confermata da quanto racconti, di altri traduttori sul mercato al momento disponibili, non pensi che l'avresti spuntata tu? Ovvio che questo che dico prescinde da quella che poteva essere in quel momento la tua condizione personale di necessità economica e che in nessun modo vuole essere un giudizio.
per il resto concordo per filo e per segno con quanto affermi

stefano

Non so, ma non credo, mi è stato detto che non potevano proprio... Detto questo ho accettato perché, evidentemente, m'importava di più "rimpolpare" il curriculum e il libro mi sembrava interessante.
La cosa paradossale, però, è che, con tutta quella fretta, è l'unico libro che ho tradotto e che, benché mi sia stato pagato, non è mai stato pubblicato, dopo una serie di rinvii. Ma questo è un dettaglio, ovviamente.

diderot

IL NO ALLA COSIDDETTA SCHIAVITU' CI COSTA MILLEMILA PUNTI DI PIL L'ANNO, IRRESPONSABILE!1!11!ELEVEN!!!1

tomaso

Il punto è che magari insistendo avrebbe ottenuto qualche spicciolo in più su quella traduzionie, ma poi la casa editrice avrebbe potuto risentirsi, e non dargli più altri lavori. Insomma la differenza esiste tra forti e deboli, e determina asimmetrie insormontabili se lasciate alla mano invisibile

mariad

bel post, complimenti
quello che dici sull'essere di sinistra è condivisibilissimo. Ma noi italiani non siamo capaci di fare ragionamenti semplici, o forse siamo impediti dalla nostra storia, dall'ideologia che ne è derivata, dalla chiesa che ha sempre prevaricato le istituzioni repubblicane.
Per cui quelle che sembrano deduzioni ovvie vengono stritolate dalle affermazioni becere di una politica di scarsissima qualità.

Monsieur Poltron

...

:)

("Sometimes silence speaks louder than words" - The Pretenders, "Thin Line between Love and Hate").

Arianna

Ciao! Un post super polposo e super succoso. In particolare volevo intervenire su quanto apre il tuo post: la distinzione tra destra e sinistra. Sono d'accordo con te che la distinzione ha senso e che esiste ancora, visibile e vivente. Qual è il problema? E' la classe politica che propone, purtroppo soprattutto per quanto riguarda la sinistra, una faccia vecchia, che non supporta più l'ideale della sinistra di oggi. Credo che il "pastone" che sta facendo oggi la sinistra sia deleterio per se stessa, in quanto non combacia con nessun gruppo di italiani, volendo combaciare con tutto, non attrae più nessuno. E' troppo vecchia e troppo minestrone, finendo con l'essere astorica calata nel contesto attuale. Per quanto riguarda la destra, anche loro mi sembrano abbastanza incasinati con le definizioni, ma forse sono più furbi (e tieni conto che per me la parola furbi ha connotazione quasi esclusivamente negativa) nell'incastrare la parte di italiani che non pensa o che non riesce a distinguere una presa in giro. Ciò che mi rattrista in particolar modo è che loro si sentano particolarmente furbi e che abbiano molto seguito.
Dan mi ha molto parlato del dibattito nato riguardo al tuo "convincetemi a votare qualcuno"...ora cerco di farmi convincere anche io. Byez!

Sinistra Arcobaleno

Complimenti per il post ... ragionamento perfetto. Apriamo gli occhi e votiamo sinistra arcobaleno.
www.sinistrarcobaleno.it

amalteo

caro Cadavrexquis
oggi ho ritrovato il tuo post sulla mostra degli anni 70 alla triennale di milano e così ho di nuovo memorizzato il blog che leggevo quando frequentavo vivereacomo.
in tempi di elezioni politiche mi sono soffermato con attenzione e vantaggio culturale (una vera opportunità di sinistra!) su questa lista aggiornata degli ancoraggi di "sinistra"
mi sono permesso di memorizzarla in Tracce e Pensieri, citandoti come si fa nei libri.
è veramente una bella e godibile pagina per chi desidera non solo vivere la propria vita ma anche stare nella storia.
spero non ti dispiaccia il rilancio per esteso. se preferisci solo un link dimmelo.
buoni giorni
amalteo

marina

Questo articolo l'ho letto da amalteo. L'ho sinceramente apprezzato.
grazie
marina

The comments to this entry are closed.