Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« Primo coming out | Main | A chi non reagisce »

12/05/2007

Comments

Yoshi

oh che belle le catene:)
potrei scrivere le tue stesse cose, vedrò di variare un po' :)

cmq, pensa che io mi ricordo quando ancora commentavi da me e non avevi un blog...ahhh signora mia, quanta acqua sotto i ponti eh?? :)

stefano

Oh, li avrà anche rotti i ponti, quest'acqua. Per non parlare poi del latte versato su cui non è il caso di piangere... :)

formamentis

Grazie, grazie... posso firmarti le magliette se vuoi :D

endimione

Cercherò di rispondere in fretta... entro il mese insomma :)

nd

Incatenato!
Lieto dell'onore concesso, ragionerò al più presto sui miei "buoni motivi".
(Già: ancora non ci si conosce...)

Matthäi

Ma perché ricordare tutto?

stefano

Matthaei, hai perfettamente ragione. Per me, questo è un problema da risolvere, infatti.

Matthäi

I commenti sono filtrati, quindi decidi tu se è il caso di filtrare o no questo, di commento; immagino non sia stato casuale che tu non abbia inserito spazio per i commenti ai tuoi post "personali" precedenti.

La tua risposta sul "ricordare" mi spinge ad una considerazione. Mi piace molto questo rimettersi in discussione, il non soffocare il bisogno, e il desiderio, di un cambiamento, quale che esso sia; indipendentemente dal cosa, dal come e dal verso dove, è il fatto di concedersi nuove possibilità, il tentare di vedere le cose da una diversa angolatura che, da lettore di questo blog, mi rallegra e m'incuriosisce.

Forse perché ci sono passato anch'io, è qualcosa che risuona dentro di me.

Quando ho attraversato, per motivi in gran parte molto diversi, una crisi che mi sembra simile alla tua (meno di un anno fa) un mio amico mi ha scritto che dicono che, quando Dio vuole punire qualcuno, ne realizza i sogni.

In qualche modo avverto, che per te questo è l'inizio di un viaggio al di fuori di sentieri già battuti. Sta a te cercare, se lo vorrai, strade nuove; e una volta che l'avrai fatto non credo che te ne pentirai. E' così triste condannarsi a ripetere le stesse dinamiche.

The comments to this entry are closed.