Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« Libera omofobia in libero stato? | Main | No, a Vicenza non ci sarei andato comunque »

17/02/2007

Comments

Keusit

Mi inchino a questo tuo scritto. Chapeau. Ti prego, mandane copia alle redazioni dei quotidiani, non puo' e non deve rimanere confinato in questo, seppur magnifico, blog.

Keusit

dj

Mi piace il punto (7), nella mia visione della realtà gli omosessuali sono proprio "due che s'inculano" e che attraverso questo atto non posso (almeno credo) avere un figlio (ma appunto, porelli, abbiano almeno un pacs-dico-contratto). Riguardo a leggi che condannano insulti ai gay meglio non esagerare, la libertà di insulto di alcuni partiti di destra, di centro e di sinistra non può essere minata così alla radice, visto che è il carburante propulsore della politica italiana. Ma poi non si può querelare qualcuno per calunnia o perché si viene insultati o comunque per violenza verbale? E i commenti imbecilli a dei lunghi e analitici post non sono indirettamente uno sbrego, e quindi insulto e violenza ? E i commenti in generale non sono una forma distorta di socialità? E la Chiesa? Nel 2005 in America un uomo, abbandonato davanti al reparto d'emergenza di un ospedale, morì dissanguato a causa del colon perforato. Partendo dalla targa della macchina che lo aveva portato al prontosoccorso, le autorità risalirono ad un gruppo di uomini d'affari che regolarmente si riunivano per intrattenere rapporti sessuali con un cavallo purosangue di una fattoria poco lontana.

inquilina g

Sul paragone con l'antisemitismo mi trovi pienamente d'accordo.

stefano/cadavrexquis

@ dj: ce ne sono a iosa, di film porno eterosessuali, destinati a uomini eterosessuali, con donne costrette (immagino) ad avere rapporti sessuali con animali. Quindi, non capisco dove vuoi arrivare con il tuo esempio - soprattutto senza indicare la fonte della notizia.

stefano/cadavrexquis

@ keusit: grazie, ma non credo che lo pubblicherebbe nessuno :)

Account Deleted

Passando da un blog all'altro, stavo leggendo questo bel post, bella scoperta le cose che scrivi.
Però poi sono inciampato sullo spinoff "Esibizione di un cadavere": accidenti a te, devi mettere delle boe di segnalazione del pericolo, non puoi mica lasciare in giro dei precipizi così profondi senza avvisare!

ZonaSedna

stefano/cadavrexquis

Mah, quello spinoff è lì da talmente tanto tempo che ormai non mi ricordavo nemmeno più che c'è e nemmeno pensavo che qualcuno ci andasse ancora!

law

Dal mio punto di vista non omosessuale, esiste anche la paranoia della omofobia.
Lo dico tra il serio ed il faceto.

Yves

Per una boccata d'aria fresca, vi propongo di leggere questo: http://en.wikipedia.org/wiki/Same-sex_marriage_in_Canada#Church_and_State

Quando la ragione ha sopravvento sulle idiozie cattoliche (o religiose in generale...)

Shelidon

Mi inchino profondamente.

Ugolino

Post neraviglioso, concordo con Keusit, meriterebbe miglior diffusione.
Mi è stato fatto notare che io sono, mio malgrado, un classico esempio dell'omofobo tipo 1 che riesce a volte a fatica a far prevalere la parte razionale.
Ti ho linkato subito.
Un saluto.

Jinzo

Ti ho attaccato senza vergogna da me. Lungi da me volerti offendere in qualsivoglia modo.

Ciao, fatti sentire.
Presto firmerò il manifesto di cui mi avevi parlato.

Mistergu

A proposito di omofobia: ho appena visto su Rai3 Licia Colò intervistare una sedicente sessuologa egiziana che candidamente dichiarava che l'omosessualità è una disfunzione, una malattia e come tale va curata secondo quelli che sono i precetti della religione.
Ingenuamente mi aspettavo che a fronte di tali dichiarazioni seguisse una replica della Colò che facesse notare all'illustre ospite l'inaccettabilità del suo pensiero per lo meno nell'ambito della nostra società liberale.
Invece la Colò non ha battuto ciglio, evidentemente ritiene che quanto riferito dalla "sessuologa" fosse degno di interesse e valesse la pena essere ascoltato come fosse un'opinione come un'altra.
Agghiacciante!

stefano

Ecco, io non tapperei la bocca a quella *sessuologa*, ma almeno la contesterei su ogni punto. Tacere è essere conniventi. Vorrei vedere cosa avrebbe detto la Colò se un *antropologo* (egiziano o di altro paese) avesse sostenuto che gli ebrei appartengono a un'altra razza. Avrebbe taciuto e sarebbe passata ad altro argomento?

The comments to this entry are closed.