Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« Tu chiamala felicità | Main | "Aux armes, les citoyens": piccola rassegna laica contro le stupidaggini clericali »

05/12/2005

Comments

crashedheaven

chiudo gli occhi e sogno fo sindaco di milano. una città sensibile, guidata da un colto premio nobel che saluta con un motto la gente per strada.
in lingua swenska, suppongo...

endimione

Sicuro di non aver frainteso? Messa così, la frase è ambigua: "Tutti i partiti dovevano scegliere un candidato" può voler dire: "tutti devono scegliere un unico candidato" oppure "tutti devono scegliere un proprio candidato" - e non si capisce quale sia il modello Prodi, visto che non tutti i partiti hanno presentato un candidato (i ds no, per es.), però non si può dire che ci fosse solo Prodi. Forse il resto dell'intervista chiarisce cosa voleva dire D'Antoni, ma quell'unica frase estrapolata poteva significare l'esatto opposto di ciò che hai inteso tu.

stefano

No, ho riletto l'intervista. E' chiaro: tutti i partiti dovevano scegliere UN candidato e farlo approvare al popolo. Non ci doveva essere una parte della sinistra che ne proponeva uno e un'altra parte che ne proponeva un altro.

endimione

Ho cercato di essere ottimista verso i nostri politic(ant)i confidando nella tua malizia. Vabbè, missione fallita :-)

l'anodino Tabaqui

se la Borsellino vince in Sicilia mi brucio vivo in piazza... capisco l'ottimismo generale del centrosinistra, ma i miracoli non li capisco...

The comments to this entry are closed.