Le infamie di ieri

Manifesto per l'eguaglianza dei diritti

Supporting Israel


Become a Fan

« Tanto vale non scrivere e non leggere | Main | Insights »

12/11/2005

Comments

valentina

resta il fatto che leggerti è intenso, massacrante a volte, ma bello.

Matthaei

Hai letto "Espiazione" di McEwan?

E poi perché adesso c'è la tua foto?

stefano

per un motivo o per l'altro, ho sempre rimandato la lettura di mcewan...

chi ti dice che quella sia la mia foto :)?
E comunque... se è più orrenda dello scheletro di prima la cambio...

Yoshi

no, è bella. e poi finalmente il titolo non è più "cacavrexquis", almeno io leggevo così quella D strana:)
mi ritrovo in quello che hai scritto e aggiungo anche un "vedere l'effetto che fa" quando scrivo alcune cose, divertente

Matthaei

A me quel libro non è piaciuto per mi ricorda quel che scrivevi; se lo leggi scoprirai come mai.

Però scrivevi anche un'altra cosa: "non una parola che ho scritto ha cambiato il corso delle cose".

Sono curioso: a cosa ti riferivi? Quali cose avrebbe dovuto cambiare? E perché non ne fai cenno in questo tuo secondo intervento sull'argomento?

PS In una vita precedente devo essere stato un inquisitore.

"Nessuno si aspetta l'Inquisizione spagnola" ahahahahaha

l'anodino Tabaqui

Ottima la croce (celtica??)

stefano

Nessun valore politico: la foto l'ho scattata al cimitero di Highgate, a Londra.

aitan

Ho particolarmente apprezzato -perché ci trovo un idem sentire, probabilmente nella linea di quanto scrivi tu a fine testo- le metafore che passano per l'intestino: l'illusorio bisogno di liberazione (è verissimo: "non si defeca una volta per tutte"), il casalingo che si prepara la cena senza essere un cuoco (ma, inutile dire che tante volte è preferibile mangiare certi piatti fatti in casa con perizia e giusti ingredienti, piuttosto che fermarsi al primo ristorante ed ingozzarsi di cibi sintetici o scarti mal rimaneggiati).

Matthaei

Francamente comincia a diventare un po' preoccupante.

Cadaveri, tombe...

Fortuna che almeno lo scheletro non c'è più.

???????

cascade

a portland pare che una coppia ("non sapevamo far altro a parte buon sesso e buon cibo") abbia aperto un ristorante nella sua sala da pranzo, iniziando col cucinare per gli amici. fossi in te non mi sentirei al sicuro.

stefano

Sono quelli che vengono a mangiare da me, allora, che non devono sentirsi al sicuro :)

cascade

si fa presto ad abituarsi al pubblico, dico.

The comments to this entry are closed.