My Photo

Cadavrexquis on Flickr


  • www.flickr.com
    Cadavrexquis' photos More of Cadavrexquis' photos

Reading 2012

  • S. J. Watson: Before I go to sleep
  • B. Bosshard: Verborgene Liebe
  • Y. Mishima: Neve di primavera
  • S. King: Full dark, no stars
  • W. Laqueur: After the fall
  • J. Hermann: Sommerhaus, spaeter
  • We were the Mulvaneys: J. C. Oates
  • A. Nessi: Ladro di minuzie
  • A. Busi: El especialista de Barcelona
  • S. Fitzek: Der Augensammler
  • D. Pennac: Journal d'un corps
  • J. Hogg: The private memoirs and confessions of a justified sinner
  • M. Seminerio: La cura letale
  • S. Fitzek: Die Therapie
  • O. Fallaci: La rabbia e l'orgoglio
  • L. D'Eramo: Partiranno
  • C. Berlinski: Menace in Europe
  • O. Dazai: Lo squalificato
  • C. K. Stead: The death of the body
  • S. Lorenzini: Il rifiuto di un'eredità difficile. La Repubblica Democratica Tedesca, gli ebrei e lo stato di Israele
  • W. Kraushaar: Die Bombe im juedischen Gemeindehaus
  • J. K. Toole: A confederacy of dunces
  • M. Krajewski: Morte a Breslavia
  • W. Kuczok: Dreckskerl. Eine Antibiographie
  • P. Weiss: Abschied von den Eltern
  • A. Bergamini: Sangue dannato
  • AA. VV.: I hate Berlin
  • S. Sebag Montefiore: Jerusalem
  • Y. Kenaz: Voci di muto amore
  • G. Nardone-G. De Santis: Cogito ergo soffro
  • L. Zingales: A capitalism for the people
  • F. Furet: Il passato di un'illusione
  • W. Gombrowicz: Journal 1959-1969
  • D. Kiš: Giardino, cenere
  • N. Rossi (a cura di): Sudditi
  • I. Warraq: Why the west is best
  • M. Parente: Parente di nessuno
  • W. Corlett: Now and then
  • A. Tuszynska: Wiera Gran. L'accusata
  • E. Canetti: Auto da fè
  • C. Wheelan: Naked economics: Undressing the dismal science
  • B. Osimo: Bar Atlantic
  • G. Pansa: Tipi sinistri
  • H. Hazlitt: L'economia in una lezione
  • E. Brynjolfsson-A. McAfee: Race against the machine
  • A. Beck: Cognitive therapy and the emotional disorders
  • B. Mozetic: Storia perduta
  • G. Delisle: Cronache di Gerusalemme
  • A. Zaccuri: In terra sconsacrata
  • E. Ionesco: Antidotes
  • T. Bernhard: Goethe schtirbt
  • R. Dasgupta: Solo
  • A. De Botton: Religion for atheists
  • M. Parente: Canto della caduta
  • B. Vine: Asta's book
  • A. Busi: Sodomie in corpo 11
  • R. Leshem: Underground bazar
  • C. Milosz: Trattato poetico
  • M. Parente: L'inumano
  • A. Gide: Si le grain ne meurt
  • D. Senor - S. Singer: Laboratorio Israele. Storia del miracolo economico israeliano
  • W. Siti: Scuola di nudo
  • R. Matheson: Io sono Helen Driscoll
  • C. Berlinski: There is no alternative
  • D. Kahneman: Thinking, fast and slow
  • B. Bawer: Debating Islam and Other essays from the post 9/11 Era
  • F. Nirenstein: A Gerusalemme
  • C. Hein: Weiskerns Nachlass
  • A. Pennacchi: Canale Mussolini
  • G. Aly: Unser Kampf 1968
  • C. Coccioli: Fabrizio Lupo

Contact

  • Email Address:
  • Website:
  • Location: Italy

One-Line Bio

"Chi vive intensamente, desimbolizza intensamente" (Aldo Busi, Sodomie in corpo 11) - "Le persone sazie e soddisfatte non scrivono e non leggono" (Christa Wolf, lettere a Brigitte Reimann)

Biography

"Era il gioco dei surrealisti: ci si metteva in cinque intorno a un tavolo e il primo scriveva un nome (il soggetto della frase) su un foglio di carta, che poi piegava in modo da nascondere al suo vicino quello che aveva scritto, quest’ultimo scriveva un verbo e faceva la stessa cosa… e via via facevano gli altri, aggiungendo elementi sintattici plausibili senza però sapere che cosa vi fosse prima nella frase già creata. E uno dei primi risultati del gioco fu questa frase:

Le cadavre exquis boira le vin nouveau.

Non è una bella metafora della nostra vita? Non sappiamo che cosa ci sarà dopo, di quello che c’è stato prima abbiamo solo vaghi ricordi (ingannevoli come tutti i ricordi) o vestigia che sono solo un riflesso materiale della nostra vita trascorsa (ma non sono la nostra vita), e alla fine tutto si riduce a una accozzaglia di frammenti senza senso."
________________________________________________________

Questa era la presentazione del blog che avevo scritto quando l'avevo aperto, anni fa, su un'altra piattaforma e che, trasferendomi su Typepad, ho riportato in questa pagina. Ma dietro a un "cadavere squisito" - e solo con il senno di poi mi sono accorto che questo nickname aveva qualcosa di macabro e morboso, come se l'autore si considerasse sì delizioso, ma in putrefazione - c'è una persona in carne e ossa, così reale da non essersi mai sottratta quando qualcuno ha voluto conoscerla dal vivo. Mi chiamo Stefano Beretta e sono nato nella poco ridente provincia di Varese il giorno prima che a Milano, in Piazza Fontana, esplodesse la famigerata bomba. Tralascio gli eventi minori e infausti della mia poco memorabile infanzia e adolescenza. Mi sono laureato in lingua e letteratura tedesca all'Università Statale di Milano nel lontano 1995, ho soggiornato parecchie volte in Germania - un semestre a Berlino e un anno a Dortmund -, non unicamente per studio. Abito a Milano dal 1997, sono gay - e lo sono orgogliosamente, anche se non sempre felicemente, soprattutto a causa degli imbecilli che infestano questo paese -, ma sono single da un'eternità, nonostante un paio di maldestri tentativi negli ultimi anni, dopo una relazione durata oltre cinque anni (l'unica importante della mia vita). Lavoro stabilmente in un giornale, ma non sono giornalista. Accanto a questa professione, ho bazzicato in modo sporadico il mondo editoriale, fornendo per anni consulenze su testi in lingua straniera, e mi diletto - se così si può dire - a tradurre. Fino a oggi ho pubblicato una trentina di libri tradotti dall'inglese, dal tedesco e dall'olandese. Per tutto ciò che riguarda il resto della mia esistenza, è sufficiente leggere quello che ho scritto in questi anni di blog.